Studio di Psicologia Clinica
Dott.ssa Maria Anna Spaltro
Venerdì, 24 Novembre 2017











Valutazione psicodiagnostica

L’obiettivo principale della valutazione psicodiagnostica è quello di identificare correttamente i sintomi e l’organizzazione di personalità del paziente. Essa deve permettere di definire e valutare le capacità e potenzialità del paziente e i suoi condizionamenti psicosociali, il suo problema principale e gli altri problemi derivanti o secondari, i fattori eziologici predisponenti, precipitanti e di rinforzo.
La valutazione della realtà del paziente deve comprendere anche una prognosi delle sue prospettive di sviluppo e l'indicazione di una eventuale psicoterapia, di quale tipo e durata.

Secondo il DSM V (Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali dell'American Psychiatric Association), la diagnosi identifica e classifica lo stato psicopatologico presentato da una persona e permette di collocare i disturbi che essa presenta in uno schema. In questo modo la sintomatologia che contraddistingue un determinato paziente è confrontata con il gruppo di sintomi che dovrebbero contrassegnare una specifica entità morbosa.

La valutazione della struttura della personalità o del carattere è sempre provvisoria. Il terapeuta è tenuto a rivedere la propria diagnosi iniziale alla luce di nuove informazioni. Le persone sono molto più complesse di quanto prevedano le categorie concettuali, e nonostante sia necessario riferirsi a modelli diagnostici scientificamente approvati questo non deve costituire un vincolo alla comprensione di sfumature cruciali nel materiale pressoché unico riferito dal paziente.






Stampa questo articolo


 

Dott.ssa Maria Anna Spaltro
Via Sebino, 32/A - 00199 Roma - Telefono 06 85.43.923 - info@psicologia-roma.it
P.IVA 04461411003 - Ordine Psicologi Lazio n. 4455


2001-2017 Tutti i diritti riservati

Realizzazione siti web 2open