Studio di Psicologia Clinica
Dott.ssa Maria Anna Spaltro
Marted, 19 Settembre 2017











Panico (attacchi di)

Il panico l'espressione acuta dell'ansia. L'ansia uno stato emotivo corrispondente ad un preciso meccanismo istintivo che ci aiuta a riconoscere il pericolo. Quando l'ansia in eccesso diventa un disturbo.

L'individuo che ha avuto una crisi di panico (in genere dura da pochi minuti a un'ora) inaspettata, senza alcun apparente fattore scatenante o "a ciel sereno" vive nel terrore che la crisi si ripeta sviluppando cos una forma di ansia secondaria anticipatoria. Quando egli tenta in tutti i modi di evitare i luoghi o le situazioni che hanno una relazione con gli attacchi vissuti in precedenza, l'attacco di panico si associa alla agorafobia che definita come la paura di restare bloccato in un luogo o in una situazione senza possibilit di fuga. La maggioranza delle persone che soffre di attacchi di panico soffre anche di agorafobia.

Si pu verificare, inoltre, un attacco di panico provocato da una situazione specifica o nell'attesa della stessa come nel caso della fobia sociale.
Infine, l'attacco di panico pu essere "sensibile alla situazione" ovvero pu manifestarsi o non manifestarsi in una situazione tipica oppure manifestarsi pi avanti nel tempo (30-60 minuti dopo la situazione temuta).

L'et di insorgenza tra i 25-40 anni.
Colpisce le donne in numero quasi doppio rispetto gli uomini e sempre rispetto gli uomini le donne manifestano con maggiore frequenza sintomi fisici come: sbandamento, sudorazione, tremore, nausea e svenimenti associati alla paura d'impazzire o di perdere il controllo.
Gli uomini invece manifestano con maggiore frequenza sintomi fisici quali tachicardia e dolore al torace associati alla paura di morire.
Possibili eventi scatenanti: per l'uomo con pi frequenza la perdita di lavoro e l'insorgenza di malattie, per la donna separazioni e lutti.

Le cause: i risultati di molte ricerche indicano che il paziente presenterebbe una sorta di "vulnerabilit biologica" che in presenza di stimoli psicologici darebbe origine agli attacchi di panico. Alla base di questa predisposizione ci sarebbe un alterato funzionamento di alcuni neurotrasmettitori. Il trattamento congiunto farmacologico con antidepressivi di ultima generazione e psicoterapia d buoni risultati nella maggioranza dei casi.

Per saperne di pi: Gli attacchi di panico: Il quadro clinico e le cure. Prof. Massimo Biondi, Universit Sapienza di Roma (Scarica il PDF)





Riferimenti bibliografici

  • American Psychiatric Association (1994) DSM-IV: Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, fourth edition. American Psychiatric Association, Washington, D.C. Trad. it. Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, Masson, Milano, 1996.
  • Bauman Z., (2009), Paura liquida. Laterza, Bari.
  • Guidano V.G., (1988) La complessit del s. Bollati Boringhieri,Torino.
  • Pozzetti R., (2007), Senza confini. Considerazioni psicoanalitiche sulle crisi di panico. Franco Angeli, Milano.



Stampa questo articolo


 

Dott.ssa Maria Anna Spaltro
Via Sebino, 32/A - 00199 Roma - Telefono 06 85.43.923 - info@psicologia-roma.it
P.IVA 04461411003 - Ordine Psicologi Lazio n. 4455


2001-2017 Tutti i diritti riservati

Realizzazione siti web 2open