Studio di Psicologia Clinica
Dott.ssa Maria Anna Spaltro
Venerdì, 24 Novembre 2017











Narrare di sé in presenza di qualcuno

Narrare di sé in presenza di qualcunoLa vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.

Gabriel Garcia Marquez







Narrazione autobiografica in piccolo gruppo di lavoro facilitato condotto da




Tutti noi tendiamo a organizzare le nostre esperienze strutturandole in trame narrative. Per trama narrativa s’intende il racconto che noi elaboriamo per dare senso e significato a ciò che ci accade e rendere comprensibile la nostra esperienza a noi e agli altri.

Quando raccontiamo di noi usiamo una modalità di pensiero che non va alla ricerca del vero o del falso perché ogni narrazione è vera per convenzione o quanto meno plausibile. Secondo la teoria costruttivista non esiste un’unica realtà oggettiva, ma le realtà sono tante quante le persone che la vivono, la interpretano e la riferiscono (J. Bruner, La mente a più dimensioni, 1986).

La narrazione autobiografica risponde perciò a un bisogno tipicamente umano di raccontare storie. Ha una sua precisa cornice teorica e metodologica. La narrazione autobiografica segue un procedere per tappe che rende agevole quel “far ordine nella propria vita”, quel far emergere frammenti di esperienza che scegliamo di condividere secondo un percorso personale e di gruppo insieme.

La narrazione autobiografica svolta in “piccolo gruppo di lavoro facilitato” non è un'esperienza in un gruppo di terapia né in un gruppo di auto-mutuo-aiuto ma è un’esperienza formativa intellettuale ed emozionale insieme. Non è un semplice raccontarsi ma una guida per conoscere se stessi, per favorire una maggiore consapevolezza di ciò che siamo stati e di ciò che abbiamo fatto.

Non servono particolari doti comunicative o capacità di scrittura né avere un lungo percorso di vita a cui attingere basta avere una sincera curiosità per se stessi.

“La narrazione di sé in presenza di qualcuno” favorisce la nascita di nuovi percorsi di ricerca di senso della propria storia di vita in un contesto (il piccolo gruppo appunto) supportivo e non giudicante. “Il piccolo gruppo di lavoro facilitato” amplifica e rinforza l’apprendimento di tecniche narrative che possiamo poi replicare per conto nostro quando ne sentiremo la necessità o come un’abitudine da mantenere per tutta la vita.


Dedicato a: persone curiose di sé senza limiti di età o d’istruzione che desiderano apprendere tecniche di narrazione autobiografica e desiderano condividere la propria storia di vita.

Durata: 5 incontri settimanali di due ore ciascuno

Quando: Il sabato dalle 10:00 alle 12:00

Calendario degli incontri:

  1. Sabato 7 novembre 2015: A ritroso tra le pieghe del tempo

  2. Sabato 14 novembre 2015: Ogni cosa ritrovata si allaccia al suo tema

  3. Sabato 21 novembre 2015: Non più come prima

  4. Sabato 28 novembre 2015: Siamo tutti Telemaco

  5. Sabato 5 dicembre 2015: Come un romanzo

Inizio: sabato 7 Novembre 2015

Dove: Roma, Corso Trieste 36A

Numero partecipanti: massimo 8 partecipanti. Gli incontri saranno attivati al raggiungimento minimo di 5 partecipanti

Costo: 165 euro (I.V.A. inclusa) per tutti e 5 gli incontri

Informazioni e iscrizioni: info@psicologia-roma.it

Tel. 06 85 43 923

I titoli degli incontri sono stati ispirati da: Bambini nel tempo di Ian McEwan, Non più come prima di Massimo Recalcati, L'Odissea di Omero, Come un romanzo di Daniel Pennac.

Altre informazioni sulla narrazione autobiografica sono qui.



 

Dott.ssa Maria Anna Spaltro
Via Sebino, 32/A - 00199 Roma - Telefono 06 85.43.923 - info@psicologia-roma.it
P.IVA 04461411003 - Ordine Psicologi Lazio n. 4455


2001-2017 Tutti i diritti riservati

Realizzazione siti web 2open